Cycling & Blogging: welcome on board, sei entrato nel Blog ufficiale dell'Alexander Bike Hotel di Gabicce Mare!

sabato 28 novembre 2020

How to Ride a Bike

 


'Chris is someone I've always looked up to.
A true role model.' 
- Geraint Thomas, 2018 Tour de France winner

An invaluable manual for cyclists of all ages, experience and ability, which will help them achieve peak performance.

Full of practical advice, this book includes information on:

  • Strength conditioning to improve your performance

  • Targeted training plans to focus on strengthening weaker areas

  • Bike care & maintenance

  • Riding different terrains & environments

  • Road cycling skills & safety

The book will also help you explore your five key abilities of cycling fitness, defined as the maximum effort you can maintain for the following periods of time:

  • 6 seconds (max sprinting)

  • 30-60 seconds (sub-max sprinting)

  • 3-5 minutes (VO2 max)

  • 1 hour (zone of transition)

  • Several hours (long steady distance riding)

This book is training toolbox to structure bespoke sessions to improve these five facets of performance. How to Ride a Bike also features diet and weight loss advice, the psychology of cycling, and stories and anecdotes from Sir Chris Hoy's Olympic track career.

Full of helpful and inspiring advice for those getting on a bike for the first time in a while, along with plenty of tips and tricks for seasoned cyclists looking to take it up a notch, this is a book for beginners and pros alike.

venerdì 27 novembre 2020

Stasdock




La tua bici è un'opera d'arte e dovrebbe essere trattata in questo modo.

Se stai cercando un buon modo per appendere la bici, non cercare oltre.

Stasdock è ciò di cui hai bisogno! Con uno Stasdock non appendi solamente la tua la bici da corsa in sicurezza al muro,  è anche la giusta soluzione che rende facile riporre gli accessori.
Ti permette di conservare tutta la tua attrezzatura bike in un unico posto, in modo semplice ed efficiente risparmiando spazio.
Questa è una delle tante ragioni che rende questo sistema di sospensione per bici compatto unico e fantastico.  E non è solo pratico, ma anche moderno ed elegante.

Lo Stasdock è realizzato in robusto acciaio e rifinito con un rivestimento resistente di alta qualità. È disponibile in diversi colori in modo da poterlo abbinare al tuo soggiorno, garage o magari camera da letto?
Volendo non dovrai mai andare a letto senza la tua bici!

Supporta sia bici da corsa che mountain bike con una larghezza massima del manubrio di 72 cm.

Stasdock è prodotto e progettato in Olanda, realizzato in acciaio sostenibile e da una protezone resistente all'acqua per il tuo telaio.




Your bike is a piece of art and should be treated this way. 

If you are looking for a good way to hang up your bike, look no further. 
A Stasdock is what you need! With a Stasdock you don't just hang your road bike safely on the wall. It also makes it easy to store accessories.

One of the many things that makes this compact bike suspension system unique and fantastic. And it's not only handy, it also looks modern and stylish. 


The Stasdock is made of strong steel and finished with a high quality, hard coating. It is available in different colours so you can match it with your living room, barn or maybe bedroom? 
So you'll never have to go to bed without your bike!

It supports both race and mountainbikes with a maximum handlebar width of 72cm.
Store all your gear in one spot, easily and efficiently while saving space. 

Stasdock is made and designed in holland, made of sustainable steal and water resistant protection foam for your frame.




mercoledì 25 novembre 2020

Podride

PodRide is the all weather, four wheel e-bike, that looks like a car.




With PodRide you can cycle anywhere, your way.
Ride in comfort, improve your health, save money, and care for the environment.

PodRide’s electric motor allows you to adjust the level of assist, to travel further, easier, and conquer the hills. It is the most practical all weather bike around.
There’s even room for a child passenger or your groceries.

PodRide has reinvented the bicycle to meet today’s urban mobility needs - enabling wider adoption. 

The bicycle is the most efficient form of transport on the planet; PodRide makes it better by adding stability, e-performance, IOT smart-tech and weather protection.

PodRide is designed to empower you!




PodRide can handle standard, paved or dirt roads. Whether you ride to work or go on week-end adventures, PodRide is up to the job. Freedom starts here.!
Cycling is easy with PodRide's electric motor support. Ride to work without the sweat! Adjust the level of motor assist to travel further and conquer the hills.

In addition to weather protection, enjoy PodRide's fully cushioned seat. It's like a sofa on wheels. Who'd have thunk cycling could be so gosh darn comfortable?
Visibility is a key safety aspect when cycling. PodRide stands out! It's a lot easier to see than a regular bike. You're also on 4 wheels which is very stable.

Being green has never been easier!

By choosing PodRide, you take positive action to reduce your carbon footprint and make the world a better place.




martedì 24 novembre 2020

24. 11. 2020

  Guida: Fabri

Partenza 9.00
Km: 84
Dislivello: 900
Velocità: 24/26 Km/h
Tour: Cattolica - Fiume Conca - Urbotto - Montefiore - Castagneto - Morciano - Cattolica




lunedì 23 novembre 2020

#Iorestoinsella

 Pedala Martesana, comitato composto da singoli e associazioni per promuovere la mobilità dolce, ha lanciato #Iorestoinsella, progetto di staffetta ciclistica per testimoniare la vicinanza dei comuni della Martesana e la loro unità anche di fronte alla recrudescenza del covid-19. «La bicicletta è il nostro simbolo di riscatto e di resistenza – hanno dichiarato i rappresentanti del comitato -, un mezzo di trasporto che permette il distanziamento, che ci tiene in salute e che fa bene anche all’ambiente».

Una nuova iniziativa del comitato, per sensibilizzare la mobilità dolce, che va ad aggiungersi a quelle promosse appena dopo la prima ondata di covid, quando da Pedala Martesana avevano iniziato ad immaginare un nuovo modo di muoversi.

Pedala Martesana ha rivolto a tutti l’invito a girare un video di massimo 15 secondi per raccontare l’utilizzo che si fa della bicicletta.
Il filmato dovrà essere poi caricato sui social dal 22 al 29 novembre, utilizzando gli hashtag #iorestoinsella e #pedalamartesana.

Chi riceverà più like verrà premiato con una maglietta di Pedala Martesana.
Tutti i video saranno in ogni casi raccolti e montati da Bikeforgood.it



Pedala Martesana, a committee composed of individuals and associations to promote soft mobility, has launched #Iorestoinsella, a cycling relay project to testify to the proximity of the municipalities of Martesana and their unity even in the face of the resurgence of covid-19. "The bicycle is our symbol of redemption and resistance - declared the representatives of the committee -, a means of transport that allows distancing, which keeps us healthy and which is also good for the environment".

A new initiative of the committee, to raise awareness of soft mobility, which is added to those promoted just after the first wave of covid, when from Pedala Martesana they had started to imagine a new way of moving.

Pedala Martesana invited everyone to shoot a video of up to 15 seconds to tell the use of the bicycle.
The video must then be uploaded to social networks from 22 to 29 November, using the hashtags #iorestoinsella and #pedalamartesana.

Whoever receives the most likes will be rewarded with a Pedala Martesana t-shirt.All videos will in any case be collected and edited by Bikeforgood.it

sabato 21 novembre 2020

Pedalare nei luoghi più belli del mondo

In questo periodo in cui è difficile spostarsi abbiamo pensato di farvi viaggiare con la mente e regalarvi un fantastico tour del mondo in sella alla nostra amata bicicletta!

Vestire i panni di un campione sul mitico mont Ventoux in Francia, mangiare la polvere sugli sterrati di Finale Ligure in Italia, scoprire New York con tutta la famiglia o esplorare in solitaria le lande dell'Asia centrale...

 I luoghi più belli del mondo da percorrere in sella alla vostra bicicletta vi stanno aspettando! 

Amanti dei sentieri sassosi, delle tranquille passeggiate, delle discese e delle salite più ardite, di paesaggi e panorami da togliere il fiato, non indugiate oltre.

 Il mondo è lì fuori a portata di pedale...



In this period it is difficult to move, so we thought of making you travel with your mind and take you to a fantastic tour of the world on our beloved bicycle!

Take on the role of a champion on the legendary Mont Ventoux in France, eat the dust on the dirt roads of Finale Ligure in Italy, discover New York with the whole family or explore the lands of Central Asia alone ...

The most beautiful places in the world to travel on your bike are waiting for you!

Lovers of stony paths, quiet walks, the most daring descents and climbs, landscapes and views to take your breath away, do not delay any longer.

The world is out there at your pedal's reach ...

venerdì 20 novembre 2020

Pirelli Cycle-E WT

 Pedalare nella stagione invernale con una e-bike a pedalata assistita o una tradizionale bicicletta muscolare obbliga a prestare particolare attenzione alle condizioni dell’asfalto. Le temperature rigide, la pioggia e l’umidità, infatti, possono rappresentare un potenziale pericolo. In questo scenario, pensando ai ciclisti che salgono in sella anche nei mesi freddi, s’inserisce la novità Pirelli Cycle-E WT, pneumatico invernale per e-bike e biciclette muscolari.

La casa della P Lunga sfrutta l’esperienza maturata nel settore dell’automobile e delle competizioni in pista trasferendola nella nuova gomma Cycle-E Winter, il primo prodotto invernale per bici, sviluppato con particolare attenzione ai modelli di due ruote da città e da trekking, adatti sia agli spostamenti quotidiani sull’asfalto sia alle gite fuoriporta su sterrati semplici e strade bianche. Una gomma che non teme il freddo intenso e le temperature inferiori a 0° Celsius grazie a contenuti studiati ad hoc e un battistrada con intagli lamellari diffusi per aumentare il grip.

cupero derivato da pneumatici di auto a fine vita, rigenerato e riutilizzato per essere inserito nella matrice polimerica. Una particolare attenzione è posta nell’utilizzo della gomma naturale, materia prima da fonte rinnovabile. Nel dettaglio Pirelli Cycle-E Winter impiega una mescola specifica messa a punto per le temperature rigide, con una struttura del pneumatico adatta anche alle e-bike a pedalata assistita che, per conformazione tecnica, sono decisamente più pesanti di una bici muscolare. Il battistrada è formato da due strati di mescola: uno esterno per il contatto con l’asfalto, uno interno con funzione antiforatura. Quest’ultimo compound ha uno spessore che varia da 3 a 3,5 millimetri - a seconda delle misure - pensato per impedire che detriti e corpi esterni forino la copertura, con una formulazione studiata per inglobare eventuali oggetti acuminati.



Pedaling in the winter season with a pedal assisted e-bike or a traditional muscle bike requires you to pay particular attention to the asphalt conditions. In fact, cold temperatures, rain and humidity can represent a potential danger. In this scenario, thinking of cyclists who get on the saddle even in the cold months, the new Pirelli Cycle-E WT, a winter tire for e-bikes and muscle bicycles, fits.

The company of the P Lunga exploits the experience gained in the automotive and track racing sector by transferring it to the new Cycle-E Winter tire, the first winter product for bicycles, developed with particular attention to two-wheel models for city and trekking. , suitable both for daily travel on the asphalt and for trips outside the city on simple dirt roads and dirt roads. A tire that does not fear intense cold and temperatures below 0 ° Celsius thanks to ad hoc content and a tread with widespread sipes to increase grip.

cupero derived from end-of-life car tires, regenerated and reused to be inserted into the polymer matrix. Particular attention is paid to the use of natural rubber, a raw material from renewable sources. In detail, Pirelli Cycle-E Winter uses a specific compound developed for low temperatures, with a tire structure also suitable for pedal assisted e-bikes which, due to their technical conformation, are decidedly heavier than a muscle bike. The tread is made up of two layers of compound: an external one for contact with the asphalt, an internal one with an anti-puncture function. The latter compound has a thickness ranging from 3 to 3.5 millimeters - depending on the size - designed to prevent debris and external bodies from perforating the cover, with a formulation designed to incorporate any sharp objects.

giovedì 19 novembre 2020

19. 11. 2020

 Guida: Fabri

Partenza 9.00
Km: 87
Dislivello: 1.000
Velocità: 24/26 Km/h
Tour: Gabicce - Novilara - Fano - Pesaro -  Panoramica -  Gabicce





mercoledì 18 novembre 2020

martedì 17 novembre 2020

17. 11 . 2020

 Guida: Fabri, Sandro & Fabio

Partenza: 09.00
Km 124
Dislivello: 1.230
Velocità: 22/24 Km/h
Tour: Gabicce - Furlo -  Gabicce







lunedì 16 novembre 2020

Bike bags

Che si tratti della spesa o dei tuoi fogli di lavoro, dotare la bici di una borsa dove tenere tutto ciò che ti serve può rivelarsi indispensabile. Senza contare che quando si va in bici qualsiasi ziano o borsa può ostacolare i movimenti. 

Tra le soluzioni più pratiche la maxi borsa da collocare sulla parte posteriore della bici, da attaccare al portapacchi: realizzata in fibre di poliestere, è resistente e impermeabile. 
Quella di Selighting è dotata di strisce riflettenti per garantirti la massima sicurezza, è super capiente ed ha anche la tracolla per trasportarla facilmente.
 Il plus? Puoi usarla anche come bagaglio se hai in mente vacanze su due ruote.

                                                                 **********

Whether it's grocery shopping or your worksheets, equipping your bike with a bag to keep everything you need can be essential. Not to mention that when you ride a bike, any bag or bag can hinder your movements.

Among the most practical solutions is the maxi bag to be placed on the back of the bike, to be attached to the luggage rack: made of polyester fibers, it is resistant and waterproof.
The one by Selighting is equipped with reflective strips to guarantee maximum safety, it is super capacious and also has a shoulder strap to carry it easily.
The plus? You can also use it as luggage if you are planning a vacation on two wheels.



Oppure potreste provare happygo!

E' una borsa sottosella r
ealizzata in poliestere resistente agli strappi, che è robusto e non d' infiltrazione, può proteggere i tuoi oggetti da acqua, sporco e polvere, facile da pulire e resistente. 
Ha un logo riflettente, così mentre si pedala di notte, gli automobilisti possono vederci con più facilità.
E' facile da installare, infatti le cinghie in velcro e fibbie facilitano l' installazione e lo scarico, montaggio senza bisogno di strumenti. Dispone anche di un'interfaccia fanali posteriori e corda bagaglio: per la nostra sicurezza durante la notte è possibile installare una luce posteriore sulla bisaccia. 

                                                                 ******

Or you could try happygo!

It is a saddlebag made of tear-resistant polyester, which is sturdy and non-infiltrating, can protect your items from water, dirt and dust, easy to clean and durable.
It has a reflective logo, so while pedaling at night, motorists can see us more easily.
It is easy to install, in fact the velcro straps and buckles facilitate installation and unloading, assembly without the need for tools. It also has a taillight interface and luggage rope: for our safety at night, a rear light can be installed on the saddlebag.



Più piccola e compatta è ROCKBROS Buna pratica borsa manubrio impermeabile.

Il materiale resistente all’acqua e la cerniera impermeabile sono compositi per proteggere la borsa dall’acqua e dal pioviggine. Si fissa facilmente al manubrio o al telaio della bici grazie a dei comodi strappi in velcro.  
E' fatto di 600D nylon di alta qualità, è resistente allo strappo e al graffio. Con i bordi di PP sui 2 lati
Sulla borsa, c’è una tasca singola per riporre i piccoli oggetti e include una tracolla che ti consente di portare facilmente la borsa alla spalla. 

                                                          **********

Smaller and more compact is ROCKBROS Buna practical waterproof handlebar bag.

The water-resistant material and the waterproof zipper are composite to protect the bag from water and drizzle. It is easily fixed to the handlebar or to the bike frame thanks to the comfortable velcro straps.
It is made of high quality 600D nylon, it is tear and scratch resistant. With PP edges on both sides
On the bag, there is a single pocket for storing small items and includes a shoulder strap that allows you to easily carry the bag on the shoulder.




sabato 14 novembre 2020

Sex and the Bici

 "Prendi la bicicletta e vai, ma fai una vita da asceta", si diceva un temp a ogni aspirante corridore. Disciplina, rigore, sobrietà nel cibo e soprattutto nei divertimenti: Bacco, Tabacco e Venere erano severamente banditi dalle corse.

 Per la gente i corridori erano angeli che volavano sulle biciclette, ma anche loro cadevano in tentazione, eccome! Sfatando tante leggende che aleggiano sul mondo del ciclismo, si scopre, rovistando tra i ricordi di campioni e gregari, che nelle camere d'albergo, tra un autografo e un massaggio, si consumavano storie a luci rosse incredibili. 

Dopo aver fatto inforcare la bicicletta alla filosofia, ora il professor Bernardi si diverte a smontare il mito del casto ciclista. Sex and the Bici racconta le gesta erotiche di campioni e gregari, dagli anni epici dei pionieri Girardengo e Binda all'epoca d'oro di Coppi e Bartali, quando le tappe del Giro e del Tour spesso si trasformavano in un'allegra giostra dell'amore. Ma ancora oggi le due ruote paiono accoppiarsi bene con l'immaginario erotico, maschile e femminile. 

Se Freddie Mercury e i Queen mettevano in sella decine di belle ragazze così come mamma le aveva fatte e affidavano a loro il compito di far "girare il nostro traballante mondo", vuol proprio dire che la bici è rock, non solo Sexy.

Nelle pagine di "Sex and the Bici" si narrano le gesta erotiche dei corridori, dagli anni epici di Girardengo e Binda fino all'epoca d'oro del ciclismo quando, accanto a Gino Bartali, Fiorenzo Magni e Alfredo Martini tutti "casa e bici", Fausto Coppi faceva parlare di sé non solo per lo Stelvio e il Galibier, ma ancora di più per la scandalosa relazione con la Dama Bianca. E quando le tappe del Giro e del Tour talvolta assomigliavano a un inesauribile Decameron di piccanti novelle.



"Get on your bike and go, but lead a life as an ascetic", a temptation was said to every aspiring rider. Discipline, rigor, sobriety in food and especially in entertainment: Bacchus, Tobacco and Venus were strictly banned from racing.

 For the people, racers were angels flying on bicycles, but they too fell into temptation, and how! By debunking many legends that hover about the world of cycling, it turns out, rummaging through the memories of champions and wingmen, that in hotel rooms, between an autograph and a massage, incredible red light stories were consumed.

After having made philosophy get on the bicycle, now Professor Bernardi is having fun dismantling the myth of the chaste cyclist. Sex and the Bici tells the erotic exploits of champions and followers, from the epic years of the pioneers Girardengo and Binda to the golden age of Coppi and Bartali, when the stages of the Giro and the Tour often turned into a merry carousel of love. But still today the two wheels seem to couple well with the erotic imaginary, male and female.

If Freddie Mercury and Queen put dozens of beautiful girls in the saddle just like mom had made them and entrusted them with the task of "turning our shaky world", it really means that the bike is rock, not just Sexy.

In the pages of "Sex and the Bici" the erotic exploits of the riders are narrated, from the epic years of Girardengo and Binda to the golden age of cycling when, alongside Gino Bartali, Fiorenzo Magni and Alfredo Martini all "home and bike ", Fausto Coppi made headlines not only for the Stelvio and the Galibier, but even more for the scandalous relationship with the White Lady. And when the stages of the Giro and the Tour sometimes resembled an inexhaustible Decameron of spicy stories.

venerdì 13 novembre 2020

Angell Bike

 Tutto comincia tre anni fa da una conversazione tra amici: al telefono ci sono il designer francese Ora-ïto e Marc Simoncini, fondatore della piattaforma di incontri Meetic: «E se creassimo la bici elettrica migliore del mondo?».

Adesso Angell Bike è pronta per essere preordinata, e pare mantenere le promesse. In alluminio e carbonio, con i suoi 13,9 kg è una delle due ruote con pedalata assistita più leggere al mondo.

Forme rotonde accentuate da linee forti, un cockpit con schermo tattile da 2,4“ integrato e luci di segnalazione, materiali nobili: alluminio e carbonio, una batteria intelligente e unica al mondo

Touchscreen sul manubrio per tre modalità di guida (velocità massima 25 km/h) e un’autonomia di 70 km. In nero super chic o argento. Un’idea di pedalata che sembra arrivare dal futuro prossimo grazie alle tante integrazioni smart come l’avviso automatico in caso di incidente, lampeggianti integrati, ma anche alert sul meteo e l’inquinamento cittadino.

E per quanto riguarda la sicurezza c’è il blocco automatico, l’allarme e la geolocalizzazione. Tutte caratteristiche che potremmo immaginare con facilità nella bicicletta del futuro. Ma in questo caso si tratta di una bici del presente.




It all began three years ago with a conversation between friends: on the phone there are the French designer Ora-ïto and Marc Simoncini, founder of the Meetic dating platform: "What if we created the best electric bike in the world?".

Now Angell Bike is ready to be pre-ordered, and it seems to deliver on its promises. In aluminum and carbon, with its 13.9 kg it is one of the lightest two wheels with pedal assistance in the world.

Round shapes accentuated by strong lines, a cockpit with integrated 2.4 "touch screen and signal lights, noble materials: aluminum and carbon, an intelligent and unique battery in the world

Touchscreen on the handlebar for three driving modes (maximum speed 25 km / h) and a range of 70 km. In super chic black or silver. An idea of ​​pedaling that seems to come from the near future thanks to the many smart integrations such as automatic warning in the event of an accident, integrated flashing lights, but also alerts on the weather and city pollution.

And as far as security is concerned, there is automatic blocking, alarm and geolocation. All characteristics that we could easily imagine in the bicycle of the future. But in this case it is a bike of the present.

giovedì 12 novembre 2020

La nuova opera di Banksy

 L’ultima opera di Banksy, avvistata per la prima volta il 13 ottobre, ritrae una bambina che fa l’hula-hoop con una ruota di bicicletta. È stata realizzata sul muro di un salone di bellezza, accanto a una bicicletta rotta legata a un lampione. Dopo tre giorni in cui in tanti si sono interrogati sulla paternità del murale, lo stesso artista è intervenuto nel dibattito pubblicando la foto dell’opera sul proprio account Instagram.

Nel frattempo, le autorità locali di Nottingham avevano già montato uno schermo di protezione, viste le quotazioni milionarie raggiunte dall’artista mascherato. La città è una delle più colpite dalla seconda ondata di Covid-19, piena di studenti universitari confinati in quarantena nei dormitori.

Il muro ‘scelto’ da Banksy, infatti, si trova nel quartiere degli studenti, Lenton. Una delle interpretazioni più diffuse dell’opera è che la bambina protagonista trovi il modo di divertirsi, nonostante tutto, con quel poco che ha: la ruota di una bicicletta distrutta.

Il professore Paul Gogh della Arts University Bournemouth, maggior esperto britannico di Banksy, ha spiegato alla Bbc come le ultime opere dell’artista siano tutte collegate al Covid o alle notizie di cronaca.

In effetti, sin dall’inizio della pandemia, Banksy è stato molto presente nel dibattito pubblico: pro mask e accanto gli ‘eroi’ del servizio sanitario, mandati a combattere in prima linea senza strumenti. Ad aprile a Bristol sul volto del famoso murale della ragazza dall’orecchino di perla di Vermeer è apparsa una mascherina.

A maggio, poi, Banksy ha fatto recapitare all’ospedale di Southampton, dove molti medici e infermieri sono morti per Covid, una sua opera in bianco e nero con un bambino che butta in un cestino della carta straccia i suoi modellini di Spiderman e Batman e fa volare una infermiera con il pugno chiuso in posizione da Superman.

A luglio un uomo mascherato – forse lo stesso artista – aveva riempito un vagone della metropolitana di Londra di topi che starnutiscono e altri con le mascherine. Li hanno cancellati, perché la regola è tolleranza zero per i graffiti sulle carrozze.



Banksy's latest work, first sighted on October 13, portrays a little girl hula hooping with a bicycle wheel. It was made on the wall of a beauty salon, next to a broken bicycle tied to a lamppost. After three days in which many have questioned the authorship of the mural, the artist himself intervened in the debate by publishing the photo of the work on his Instagram account.

Meanwhile, local authorities in Nottingham had already mounted a protective screen, given the millionaire prices achieved by the masked artist. The city is one of the hardest hit by the second wave of Covid-19, full of college students confined to quarantine in dormitories.

The wall 'chosen' by Banksy, in fact, is located in the student district, Lenton. One of the most widespread interpretations of the work is that the girl protagonist finds a way to have fun, despite everything, with what little she has: the wheel of a destroyed bicycle.

Professor Paul Gogh of Arts University Bournemouth, Britain's leading expert on Banksy, explained to the BBC how the artist's latest works are all linked to Covid or news reports.

In fact, since the beginning of the pandemic, Banksy has been very present in the public debate: pro mask and alongside the 'heroes' of the health service, sent to fight on the front line without tools. In April in Bristol a mask appeared on the face of the famous mural of the girl with a pearl earring by Vermeer.

In May, Banksy had a black and white work of his with a child throwing his models of Spiderman and Batman in a waste paper basket delivered to the Southampton hospital, where many doctors and nurses have died from Covid. and flies a nurse with her clenched fist into a Superman position.

In July, a masked man - perhaps the artist himself - had filled a London Underground car with sneezing mice and others in masks. They deleted them, because the rule is zero tolerance for graffiti on carriages.

mercoledì 11 novembre 2020

Z-Triton

Un mix perfetto tra i due mezzi più puliti e funzionali che ci sono: la barca e la bici.

Da oggi, quando sentiremo dire "mezzo anfibio" non penseremo più a quelli da guerra, ai carri armati, per esempio. Penseremo invece a questa bici a tre ruote, due delle quali magicamente si piegano all'interno e quella anteriore, invece, la si può spingere in alto, e diventa quasi una bandiera della barchetta.

Per viaggi in cui ci sono laghi, fiumi o lagune da visitare, questa bici speciale, è davvero il mezzo migliore in assoluto.
In modalità bici è una semplice bici a tre ruote, di quelle con un grande spazio per i bagagli che di solito vengono usate per i viaggi o per trasportare grandi carichi. Solo che poi, chiudendo le ruote e risistemando la cappotta, si trasforma in una splendida piccola barca. Una barca che funziona con un piccolo motore elettrico, nel pieno rispetto dell'ambiente.

L'autonomia del motore è di ben dieci chilometri: sufficiente per gite sul fiume o magari per attraversare interi laghi durante il tragitto del proprio viaggio.

Ma il bello della Z-Triton è che ci si può addirittura dormire dentro: i sedili (sono due) si ribaltano e all'interno dello spazio coperto si riesce a stare stesi e schiacciare, comodamente, un lungo pisolino. Per chi viaggia in bici questo è essenziale.
Che non sia questo il mezzo di trasporto del futuro?



A perfect mix between the two cleanest and most functional vehicles that exist: the boat and the bike.

From today, when we hear "half amphibians" we will no longer think of war ones, tanks, for example. Instead, we will think of this three-wheeled bike, two of which magically fold in and the front one, on the other hand, can be pushed up, and it becomes almost a flag of the boat.

For trips where there are lakes, rivers or lagoons to visit, this special bike is truly the best way to go.

In bike mode it is a simple three-wheeled bike, one with a large luggage space that is usually used for travel or to carry large loads. Only then, by closing the wheels and rearranging the hood, it turns into a splendid little boat. A boat that works with a small electric motor, in full respect of the environment.

The autonomy of the engine is ten kilometers: enough for trips on the river or perhaps to cross entire lakes during the journey of your journey.

But the beauty of the Z-Triton is that you can even sleep in it: the seats (there are two) fold over and inside the covered space you can lie down and comfortably take a long nap. For those traveling by bike this is essential.

Could it be the transport of the future?




martedì 10 novembre 2020

Bonus bici - Parte 2





Buone notizie dal fronte Bonus bici: dal 9 novembre, sarà possibile ricollegarsi al sito www.buonomobilita.it per chiedere il rimborso promesso. Una nuova opportunità per quanti non sono riusciti ad accedere alla piattaforma messa a punto dal Ministero dell’Ambiente durante l’ultimo click day. D’altronde, già ieri il ministro Sergio Costa aveva promesso: “nessun cittadino sarà lasciato indietro”.

Il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha infatti annunciato: “A partire dal 9 novembre e fino al 9 dicembre, chi non è riuscito a ottenere il bonus bici attraverso la piattaforma www.buonomobilita.it, potrà registrarsi al portale e caricare i propri dati”.

Chi, quindi, ha già acquistato il mezzo nel periodo compreso tra il 4 maggio e il 3 novembre, potrà accedere nuovamente con lo Spid e caricare Iban, dati personali e fattura o scontrino parlante. In questo modo, dal 10 dicembre, sarà possibile conoscere la platea di cittadini che, pur avendone diritto, sono rimasti esclusi dal bonus. E il Ministero dell’Ambiente potrà conoscere e stimare la spesa complessiva e stanziare i fondi necessari per far partire i rimborsi. Che non saranno però immediati: la situazione è complessa, sarà necessario aspettare il 2021.

È comunque uno spiraglio che si apre alla fine di due giornate a dir poco frenetiche. Nel giro di un giorno, infatti, è stato esaurito il plafond di 215 milioni stanziato per il “Programma sperimentale buono mobilità” per l’anno 2020. Circa 600 mila utenti sono riusciti ad aggiudicarsi il bonus bici e monopattini o bonus mobilità. Tra questi c’erano coloro che hanno acquistato nei mesi scorsi una bici, anche a pedalata assistita, o un veicolo per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, sia coloro che sono intenzionati a farlo. Ma altrettanti sono rimasti a bocca asciutta.

lunedì 9 novembre 2020

Let’s Move For A Better World





Da 7 anni Technogym ha lanciato la campagna Let's Move for a Better world, un'iniziativa per riunire la comunità globale Technogym attorno ad un unico obiettivo: promuovere ed educare le persone ad un regolare esercizio fisico per creare una società più sostenibile basata sulla salute delle persone.

Technogym annuncia la Let's Move Week 2020, una sette giorni di eventi, sfide e fitness dal 9 al 15 novembre a cui possono partecipare utenti e centri fitness. Questa volta, i Canali Ufficiali Technogym offriranno ogni giorno allenamenti divertenti e coinvolgenti con i Technogym Master Trainers e gli Ambassador internazionali. Puoi partecipare alla campagna direttamente da casa tua o dal luogo che preferisci, ma non dimenticare che il tuo centro fitness di fiducia può già aderire all'iniziativa virtualmente, basterà seguire i loro canali social per allenarsi e ritrovarsi in diretta con tutti i gli iscritti al centro.

Senza dubbio, ora più che mai, la salute è in cima alla lista delle priorità delle persone. In questo scenario, le ricerche scientifiche dimostrano l'importanza dell'esercizio fisico per aumentare non solo la forma fisica e le prestazioni sportive, ma anche le difese immunitarie, prevenendo fattori di rischio come l'obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari. Ecco perché il Wellness e uno stile di vita sano sono senza dubbio le tendenze dominanti del momento.

Technogym Bike Challenge
Durante tutta la Let’s Move Week (dal 7 al 14 novembre), due squadre di Technogym Ambassadors si sfideranno in una classe realizzata per l’occasione dal partner Virgin Active su Technogym Bike, con l’obiettivo – in occasione della Giornata Mondiale del Diabete - di donare una palestra, messa a disposizione da Technogym, ad un centro impegnato nella cura e prevenzione del diabete.
Le due squadre, capitanate da Simone Marchetti – Direttore di Vanity Fair – e Giovanni Audiffredi – Direttore di GQ – saranno composte da personalità del cinema e dello spettacolo come Elisabetta Canalis, Giuseppe Fiorello, Matilde Gioli, Martina Colombari, Nicoletta Romanoff, Filippa Largerback, Sarah Felberbaum, Catrinel Marlon, Wanda Nara, Davide Oldani, e da campioni dello sport come Massimo Ambrosini, Carlos Sainz e Lando Norris, il ciclista medaglia d’oro olimpica Elia Viviani, la campionessa italiana su strada Elena Cecchini, e la campionessa olimpica di pattinaggio artistico su ghiaccio Carolina Kostner.





Since 7 years Technogym has launched the Let’s Move for a Better World campaign, a global initiative to gather the global Technogym community around a social objective: promoting and educating people to regular physical exercise to create a more sustainable society based on people’s health.
Technogym is now excited to announce the launch of the 2020 Let's Move Week: seven days of fitness events, challenges and activities, taking place both online and offline from 9th – 15th November, gathering end users and fitness clubs all over the world. Every day, Technogym social media channels will offer fun and engaging workouts led by Technogym Master Trainers and international ambassadors.
You can join the campaign directly from your home, from the place you prefer or joining your fitness clubs activities following the virtual events on their social channels.

With no doubts, now more than ever, health has risen at the top of people’s priority list. In this scenario, scientific evidence proves the importance of structured physical exercise to increase not only physical fitness and sports performance, but also immune defenses by preventing risk factors such as obesity, diabetes and cardiovascular diseases. That’s why wellness and a healthy lifestyle are undoubtedly dominant trends of the moment.
Let's Move Week 2020 promises to be one of the busiest fitness event of the year, with an agenda full of fitness events, challenges and personalized workouts, including both live and on demand. This fitness event involves thousands of gyms, trainers and end users from all over the world.

Technogym Bike Challenge
Throughout Let's Move Week, two Technogym Ambassadors teams will compete in a class on Technogym Bike, led by Virgin Active trainers, with the aim - on the occasion of World Diabetes Day - of donating a gym, made available by Technogym, to a center committed to the treatment and prevention of diabetes.
The two teams, led by Simone Marchetti - Director of Vanity Fair - and Giovanni Audiffredi - Director of GQ - will be made up of personalities from the cinema and show business such as Elisabetta Canalis, Giuseppe Fiorello, Matilde Gioli, Martina Colombari, Nicoletta Romanoff, Filippa Largerback, Sarah Felderbaum, Catrinel Marlon, Wanda Nara, Davide Oldani, and sports champions such as Massimo Ambrosini, Carlos Sainz e Lando Norris, Olympic gold medal cyclist Elia Viviani, the Italian road champion Elena Cecchini, and the Olympic ice skating champion Carolina Kostner.

sabato 7 novembre 2020

Salva i ciclisti. La bicicletta è politica

Questo sabato proponiamo il libro di Pietro Pani:  Salva i ciclisti. La bicicletta è politica  (2012)

Il nome dell'autore è un nome di fantasia scelto per non identificare la campagna nella sola persona che l’ha raccontata, che ripercorre e analizza i primi tre mesi del fenomeno #salvaiciclisti, dalla nascita, l’8 febbraio 2012, al 28 aprile, giorno della “più grande manifestazione della storia in sostegno della ciclabilità in Italia“.

"Il 2 febbraio 2012 ho saputo del lancio della campagna Cities fit for cycling del 'Times' di Londra e, contattati una trentina di blogger che si occupano di ciclismo, ho proposto loro di replicare l'iniziativa. 'Chiamiamola #salvaiciclisti' ho suggerito. 'Lanciamola tutti insieme alle 12 dell'8 febbraio.' È stata la prima critical mass digitale della storia. Abbiamo stupito tutti." (Pietro Pani)

La prima parte è probabilmente cosa nota: dall’incidente alla giornalista del Times Mary Bowers alla campagna #Cyclesafe lanciata dalla testata inglese il 2 febbraio, dal rilancio dell’iniziativa da parte dei 38 blogger italiani sei giorni dopo, alla seconda fase della Critical Mass digitale “Caro sindaco”, dagli sgambetti della Gazzetta dello Sport alle prime adesioni e risposte concrete strappate alle amministrazioni locali. Interessanti le due successive parti del libro in cui l’autore fa un’analisi di #salvaiciclisti come “laboratorio di cittadinanza attiva“, in cui singoli cittadini si organizzano dal basso per far valere le proprie ragioni al cospetto della politica. Molto ambizioso il pensiero di Pietro Pani secondo cui #salvaiciclisti abbia così tracciato la strada ad altre future mobilitazioni, suggerendo un modello di azione e partecipazione “replicabile all’infinito“, e valido per qualunque causa di buon senso, anche estranea alla ciclabilità, che come unica condizione presenti validi contenuti e proposte.

Per la metodologia utilizzata e per i traguardi raggiunti in così poco tempo #salvaiciclisti può essere considerato una sorta di punto zero della democrazia italiana” (Pietro Pani)


This Saturday we propose the book by Pietro Pani: Save the cyclists. The bicycle is politics (2012)

The author's name is a fictional name chosen so as not to identify the campaign in the only person who told it, which traces and analyzes the first three months of the #salvaiciclisti phenomenon, from its birth, on February 8, 2012, to April 28. , the day of the "largest event in history in support of cycling in Italy".

"On February 2, 2012 I heard about the launch of the Cities fit for cycling campaign of the 'Times' of London and, after contacting about thirty bloggers who deal with cycling, I proposed them to replicate the initiative. 'Let's call it #salvaiciclisti' . 'Let's all launch it together at 12 noon on February 8th.' It was the first digital critical mass in history. We amazed everyone. " (Pietro Pani)

The first part is probably known: from the incident to the Times journalist Mary Bowers to the #Cyclesafe campaign launched by the British newspaper on February 2, from the relaunch of the initiative by the 38 Italian bloggers six days later, to the second phase of the Critical Mass digital "Dear Mayor", from the tripping of the Gazzetta dello Sport to the first adhesions and concrete answers snatched from local administrations. The next two parts of the book are interesting in which the author analyzes #salvaiciclisti as a "laboratory of active citizenship", in which individual citizens organize themselves from below to assert their reasons in the face of politics. Pietro Pani's thought is very ambitious according to which #salvaiciclisti has thus traced the way for other future mobilizations, suggesting a model of action and participation "infinitely replicable", and valid for any cause of common sense, even unrelated to cycling, which as the only condition present valid contents and proposals.

"For the methodology used and for the goals achieved in such a short time #salvaiciclisti can be considered a sort of zero point of Italian democracy" (Pietro Pani)

venerdì 6 novembre 2020

Serie 1 Cycle Company



Già un anno fa l'azienda Harley-Davidson aveva annunciato che, a breve, avrebbe fatto il suo ingresso all'interno del settore della mobilità elettrica. Con la sua Serie 1 Cycle Company ha mantenuto la promessa, presentando la prima linea di prodotti che si rivelerà concretamente durante la prossima primavera 2021.

La Serial 1 Cycle Company combina l'estetica di classe e la capacità tecnologica di rientrare fra i mezzi leader della propulsione elettrica a pedali. "Quando, nel 1903, la Harley-Davidson caricò per la prima volta la potenza su due ruote cambiò il modo in cui il mondo iniziò a muoversi per sempre", ha dichiarato Aaron Frank, Brand Director della Serial 1 Cycle Company. "Ispirati dalla visione imprenditoriale dei fondatori di Harley-Davidson, speriamo di cambiare ancora una volta il modo in cui i ciclisti si muovono con una eBicycle Serial 1".

Fra slow city e smart city che tentano di ripartire dai quartieri, Harley lancia al momento giusto il suo prodotto dal concept semplice e libertino - perché le e-bike si stanno piazzando sul podio dei migliori mezzi per vivere il pendolarismo urbano. Il mercato globale dell'elettrico a pedale ha avuto un valore di oltre 15 miliardi di dollari nel 2019 e si prevede che crescerà a un tasso annuo di oltre il 6 per cento da quest'anno al 2025. "Lo spazio dinamico e in rapida crescita dell'eBicycle è in prima linea nei termini di una rivoluzione globale della mobilità", continua Frank. "La realizzazione del Serial 1 permette a Harley-Davidson di giocare un ruolo chiave in questa rivoluzione della mobilità, consentendo al contempo al Serial 1 di concentrarsi esclusivamente sul cliente dell'eBicycle e di offrire un'esperienza di guida senza pari, radicata nella libertà e nell'avventura".



Already a year ago the Harley-Davidson company announced that it would soon make its entry into the electric mobility sector. With its Serie 1 Cycle Company it has kept its promise, presenting the first product line that will concretely reveal itself during next Spring 2021.

The Serial 1 Cycle Company combines classy aesthetics and the technological ability to be among the leading means of electric pedal propulsion. "When Harley-Davidson first loaded power onto two wheels in 1903 it changed the way the world began to move forever," said Aaron Frank, Brand Director of the Serial 1 Cycle Company. "Inspired by the entrepreneurial vision of Harley-Davidson's founders, we hope to once again change the way cyclists move with a Serial 1 eBicycle."

Between slow cities and smart cities that try to start over from neighborhoods, Harley launches its product with a simple and libertine concept at the right time - because e-bikes are placing themselves on the podium of the best means to experience urban commuting. The global pedal electric market was worth more than $ 15 billion in 2019 and is expected to grow at an annual rate of more than 6 percent from this year to 2025. "The dynamic and fast-growing space eBicycle is at the forefront of a global mobility revolution, "continues Frank. "The implementation of Serial 1 allows Harley-Davidson to play a key role in this mobility revolution, while allowing Serial 1 to focus exclusively on the eBicycle customer and offer an unparalleled riding experience, rooted in freedom. and in the adventure ".

giovedì 5 novembre 2020

Trek Care 2020

La casa americana ha rivisto i programmi di garanzia Trek Care 2020.

Come prima cosa è necessario registrare la propria bici sul sito.
Una volta registrata la bicicletta, ne caso di necessità, va contattato un rivenditore o il distributore autorizzato locale per attivare una richiesta di intervento in garanzia presentando una regolare prova d’acquisto.


La durata della garanzia

A vita
  • Kit telaio (telaio e forcella rigida), limitatamente al primo acquirente
  • Ruote Bontrager con cerchi in carbonio
2 anni
  • Abbigliamento
  • Componenti e accessori
  • Ruote Bontrager con cerchi in lega
  • Verniciatura e decalcomanie

Importante novità introdotta dal programma Trek Care 2020 riguarda gli acquirenti successivi (dal secondo in poi) che hanno diritto a una garanzia di tre anni dalla data del primo acquisto presso il rivenditore.
Per convalidare il periodo di copertura è necessario esibire una prova del primo acquisto.

La garanzia non copre:
  • Normale usura
  • Assemblaggio improprio
  • Corrosione
  • Manutenzione impropria
  • Installazione di componenti, parti o accessori originariamente non destinati o incompatibili con la bicicletta al momento della vendita
  • Danni o guasti dovuti a incidenti, cattivo uso, abuso o negligenza
  • Spese di manodopera per la sostituzione o la conversione di parti
  • Prodotti non proprietari (qualsiasi altra parte o componente originale) coperti dalla garanzia del produttore originario
 Questa garanzia vale per:

• Tutti i modelli del 2020 e le biciclette più recenti
• Componenti e accessori acquistati dopo il primo agosto 2019

Cosa ne pensate?


The American company has revised the Trek Care 2020 warranty programs.

First you need to register your bike on the site.
Once the bicycle has been registered, if necessary, a dealer or local authorized distributor must be contacted to activate a request for warranty service by presenting a regular proof of purchase.


The duration of the guarantee

Lifetime
  • Frame kit (frame and rigid fork), limited to the first buyer
  • Bontrager wheels with carbon rims
2 years
  • Clothing
  • Components and accessories
  • Bontrager wheels with alloy wheels
  • Painting and decals

Important news introduced by the Trek Care 2020 program concerns subsequent buyers (from the second onwards) who are entitled to a three-year warranty from the date of the first purchase from the retailer.
Proof of first purchase must be presented to validate the coverage period.

The warranty does not cover:
  • Normal wear
  • Improper assembly
  • Corrosion
  • Improper maintenance
  • Installation of components, parts or accessories not originally intended for or incompatible with the bicycle at the time of sale
  • Damage or failure due to accident, misuse, abuse or neglect
  • Labor costs for replacement or conversion of parts
  • Non-proprietary products (any other original parts or components) covered by the original manufacturer's warranty
 This warranty applies to:

• All 2020 models and newer bikes
• Parts and accessories purchased after 1st August 2019

What do you think?